Espressione Barbaresco
28 – 29 Aprile 2019

 

Tutte le sfumature del Barbaresco DOCG 2016

Il Barbaresco DOCG 2016 è pronto a presentarsi al mondo.

Tradizione. Essenza. Terra. Storia, Origini.

Il vino parte sempre da qui, da valori all’apparenza semplici, ma che racchiudono dentro mondi, racconti, volti e memorie. Valori che sanno di tempi lontani mai dimenticati e tramandati fino ad oggi, generazione dopo generazione, in una girandola di voci, abitudini, mani, usi e storie che li hanno accompagnati con cura fino a noi.

E oggi, ancora una volta, come un piccolo miracolo che si ripete, questi valori sono stati vissuti e raccontati in un Evento che ha messo il vino al primo posto, ma che ha parlato anche di Territorio, tradizione, storia, terra, cru e persone.

La prima edizione di Espressione Barbaresco, organizzata dall’Enoteca Regionale del Barbaresco nel meraviglioso palcoscenico del Castello di Neive e dedicata alla presentazione dell’annata 2016 di questo importante vino, ha saputo coniugare sapori e parole, storia e gusto, concretezza e magia, presente e passato.

Un Evento di due giorni in cui il Barbaresco DOCG 2016 è stato il protagonista indiscusso, capace di mostrare tutte quelle sfumature che lo hanno reso un grande vino nobile del Piemonte e un Ambasciatore dell’enologia italiana nel mondo.Un vino di prestigio, tanto quanto quello che è stata capace di guadagnarsi nel mondo la famosa giornalista statunitense e scrittrice enologica Kerin O’Keefe, scelta come Testimonial ufficiale ed insignita dal presidente dell’Enoteca Massimo Caniggia come “Voce del Barbaresco 2016”.

A lei l’onore di inaugurare Espressione Barbaresco con una Masterclass che si è svolta domenica 28 aprile nel piano nobile del Castello di Neive, alla presenza della stampa italiana ed internazionale. Un momento forte e significativo in cui Kerin ha saputo raccontare con autorevolezza ed eleganza questo vino e portato all’assaggio 18 tra le migliori etichette di Barbaresco DOCG 2016, suddivise a seconda dei comuni di produzione e delle tecniche di vinificazione, con un’esperta spiegazione, per ogni etichetta degustata, delle varie sfumature organolettiche e dei metodi di vinificazione.

Vino e Tradizione nelle parole di Kerin O’Keefe, storia e territorio in quelle di Giancarlo Montaldo, grandissimo e stimato giornalista ed esperto di vini, nonché storico presidente dell’Enoteca, che ha accompagnato Kerin durante la Masterclass e ha poi condotto gli ospiti in un “viaggio” partito dalle cantine storiche del Castello e dalle sue origini antiche, per proseguire “dentro il Territorio”, in un Tour dei Cru che ha sfiorato vigneti e colline di produzione, addentrandosi e raccontando con cura e passione l’intera area vitivinicola che rappresenta una delle massime espressioni del nobile vitigno piemontese che da vita al Barbaresco: il nebbiolo.

Una prima giornata che ha permesso agli ospiti presenti di immergersi nelle molteplici sfaccettature del Barbaresco stesso, nella sua storia, nei suoi sapori, nella sua tradizione, essenza, terra e origini.

L’Evento è proseguito lunedì 29 aprile nelle Cantine Storiche del Castello di Neive per una degustazione a tu per tu con 68 produttori di Barbaresco. Il colpo d’occhio entrando era qualcosa di magico, che richiamava tempi lontani, in una scenografia di pareti a volta e mattoni a vista e con le botti ordinate in fila e trasformate per l’occasione in postazioni in cui i produttori hanno esposto le proprie bottiglie, scelte e selezionate per l’occasione. L’intera mattinata è stata riservata ai giornalisti e a Kerin O’Keefe, che hanno avuto la possibilità di degustare le più importanti etichette di Barbaresco, oltre ai Barbaresco DOCG 2016 di ogni cantina, e di confrontarsi direttamente con i produttori.

Dalle 12:00 il Tasting ha invece aperto le porte a tutti gli operatori di settore e ai Wine Lovers che, bicchiere in mano, hanno vissuto una degustazione che ha saputo legare i sapori dei vini alle parole di chi li ha prodotti, in un mix di gusto e conoscenza che ha reso ogni assaggio una vera e propria scoperta.

Tantissime le persone accorse all’Evento, in una cornice di pubblico che ha superato le aspettative iniziali e ha fatto registrare un grande successo per questa prima edizione di Espressione Barbaresco.

Un ringraziamento speciale va prima di tutto al Castello di Neive e all’ingegnere Italo Stupino per averci accolto in questa affascinante e bellissima struttura storica che è stata la location perfetta dell’intero evento.

Un altro grazie alle due figure che sono state il fulcro di Espressione Barbaresco: Kerin O’Keefe, testimonial e voce del Barbaresco DOCG 2016, e Giancarlo Montaldo, che ancora una volta, come da sempre fa, collabora con noi e lavora con passione ed impegno nell’obiettivo di accrescere culturalmente questo Nostro Territorio.

Un altro ringraziamento a tutto il Consiglio dell’Enoteca Regionale del Barbaresco, che ha saputo organizzare questo Evento curandone ogni dettaglio, alle donne dell’Enoteca, che hanno lavorato intensamente prima e durante l’intero Evento e a tutti gli Sponsor.

Un grazie ai produttori che con la loro presenza, la loro professionalità e i loro vini hanno contribuito nel rendere grande questo appuntamento, così come contribuiscono ogni giorno con il loro lavoro e la loro passione a rendere grande il nostro territorio e il Barbaresco.

Vogliamo infine ringraziare tutte le persone che hanno partecipato, segnando il successo di questa prima edizione di Espressione Barbaresco, che vuole essere il punto di partenza di un ciclo e un nuovo tassello verso un percorso chiaro e netto di rafforzamento dell’identità della Nostra Enoteca e dei nostri vini e di trasmissione dei grandi valori del nostro territorio e del Barbaresco in Italia e nel mondo.

Diretta Streaming della Masterclass tenutasi al Piano Nobile del Castello di Neive per presentare il Barbaresco 2016 alla Stampa Internazionale. 


SFUMATURE


ELENCO CANTINE PRESENTI  A  “ESPRESSIONE BARBARESCO”          28 / 29 APRILE

L’EVENTO “ESPRESSIONE BARBARESCO 2019” SI CONCLUDE QUI.

 DA QUI PARTE IL MESSAGGIO CHE VOGLIAMO RACCONTARE AL MONDO

Sfumature di colori e gradazioni delle terre in cui le uve si sono sviluppate, come valori di territorio, esposizione, terra, clima.
Sfumature di persone che, con passione e amore, hanno lavorato queste uve e atteso con emozione che questo vino fosse pronto.
Sfumature di storie, segreti ed essenze che diventano le molteplici sfaccettature che il Barbaresco sa regalare fin dal primo assaggio.


Tante sfumature, un unico vino: il Barbaresco.

 

VI ASPETTIAMO PER LA SECONDA EDIZIONE  “ESPRESSIONE BARBARESCO 2020”