Comune

Neive

Altidudine: 309 mslm
Abitanti: 3150
Ettari a vigneto: 609,48
Ettari a Nebbiolo da Barbaresco: 275,23
Il Nome: da Gens Naevia, letteralmente la stirpe di Nevio. Si tratta con ogni probabilità della famiglia gentilizia romana di cui fu possedimento nel I° secolo a. C.

Il territorio di Neive venne occupato dai Romani nel II secolo a.C. e, a partire dal 109 a.C., fu attraversato dalla Via Aemilia, che collegava Acqui con Asti, finendo per diventare un importante crocevia.

Dopo la caduta dell’Impero romano d’occidente finì sotto la dominazione barbara. Intorno all’anno mille si collocano le prime notizie della costruzione di un castello fortificato, oggi scomparso. Nel corso dei secoli XI e XII, l’abitato fu conteso da diversi signori locali. In seguito al riconoscimento dello statuto di Comune intorno al 1190, il territorio di Neive passò alternativamente nella sfera di influenza delle città rivali di Alba e di Asti. Nel 1387 Neive, all’epoca sotto l’influenza astigiana, seguì la città nelle mani della signoria di Giangaleazzo Visconti; rimase sotto l’influenza viscontea fino al 1512, per passare poi, dopo alcune altre dominazioni, nelle mani dei Savoia, nel 1530. Nel 1618 Neive divenne feudo assegnato al conte Vittorio Amedeo Dal Pozzo, già Marchese di Voghera, il quale assunse il titolo di primo conte di Neive. Con Casa Savoia, Neive seguì le sorti del regno fino alla costituzione della Repubblica Italiana. La produzione vinicola del castello di Neive cominciò a essere nota già a partire dal XIX secolo grazie all’opera dell’enologo francese Louis Oudart, il quale, giunto a Barolo su richiesta della marchesa Faletti per sistemarne le vigne e la cantina, si trasferì a Neive dove intraprese la realizzazione di vini di grande qualità.

Dei tre comuni principali che fanno parte della denominazione, Neive è il più esteso.

La maggiore superficie complessiva determina una maggiore estensione dei vigneti: è interessante notare come nel territorio neivese, accanto al Nebbiolo, si trovi una fetta consistente di altre varietà, quali Dolcetto, Barbera e Moscato.

BOTTEGA DEI 4 VINI - Cantina Comunale di Neive

Passeggiando per le vie del Borgo Antico di Neive, tra stradine e vicoli, si scorge l’arco che conduce alle cantine del palazzo Comunale, ed è proprio li che ha sede la Bottega dei Quattro Vini.

Fondata nel 1983 da un piccolo gruppo di vignaioli neivesi, per rappresentare Neive e i suoi vini nel Mondo, è ancora oggi il punto di ritrovo, per trascorrere piacevoli momenti in compagnia. Info: http://www.bottegadei4vini.com/it/ 

Contatti e Mappe

Comune di Neive
Piazza Italia, 1 – 12052 – Neive (CN)
Tel. +39 0173 67004 – Fax +39 0173 677781
Email: neive@comune.neive.cn.it
Web: www.comune.neive.cn.it